fbpx

Fluorocarbon o Nylon? Cosa è meglio?

FLUORCARBON O NYLON?

Per andare a pesca, è meglio usare un filo di nylon trasparente o un fluorcarbon? è una domanda che mi hanno fatto 1000, 2000 volte.

Tutto dipende da cosa devi fare con il pezzo di filo che stai prendendo in considerazione.

La pesca non è sempre uguale a sé stessa (come condizioni marine) e il filo che usi in un certo punto del complesso pescante (dal mulinello all’amo) non è chiamato ad avere lo stesso scopo.

Mi spiego meglio:

  • la lenza con cui carichi il mulinello è una cosa;
  • la lenza con cui costruisci un terminale, che sia da bolentino, da pesca a fondo, è un’altra cosa;
  • la lenza che usi per un parastrappi a surfcasting o a spinning è un’altra cosa ancora;
  • la lenza che usi per un terminale da traina pure;
  • ed anche per un finalino da pesca a bolognese, magari una coppiola;
  • ci sono addirittura pezzi corti di lenza che vengono utilizzati per fare dei rinforzi anti-taglio per i denti dei pesci.

Quindi capisci che, con tutte queste possibilità, non esiste una risposta univoca; non è meglio un filo anziché l’altro.

Nylon e fluorcarbon (o fluorocarbon) sono materiali diversi

La cosa che innanzitutto devi sapere è che nylon e fluorcarbon (o fluorocarbon) sono due materiali diversi. Non è che il fluorocarbon sia un nylon trattato superficialmente in un altro modo.

Il nylon è il materiale che conosciamo tutti, utilizzato per sacchetti, per tessuti. Il nylon costa meno, ed è più elastico del fluorcarbon. è la migliore scelta per caricare i mulinelli. Poi all’interno della vasta gamma dei nylon ce ne saranno dei più elastici, dei meno elastici, dei colorati, eccetera, però il nylon è una buona scelta per caricare il mulinello se non usi la treccia.

Il fluorcarbon, invece, ha dalla sua parte una grande resistenza all’abrasione ed un’invisibilità che è quasi perfetta. Si dice spesso che l’indice di rifrazione della luce del fluorcarbon è quasi pari a quello dell’acqua.

Indice di rifrazione del fluorocarbon

Cosa vuol dire questo? Significa che un pezzo di filo di nylon immerso in acqua, nonostante sia trasparente, riflette un po’ di più la luce e permette al materiale di essere visto un po’ di più rispetto al fluorcarbon.

Proprio per questo il fluorcarbon è la migliore scelta per confezionare i terminali: parlo di braccioli, quello che va a legare l’amo.

Se generalmente paragoniamo un filo di nylon a un fluorcarbon, dello stesso diametro, anche se saranno molto simili a prima vista, il fluorcarbon sarà sempre un pochino più rigido e avrà sempre una maggior resistenza superficiale. Questo vuol dire che lo strofinamento dei denti del pesce, o della roccia, sul filo faranno un pochino più danni sul nylon; comunque questa differenza non è così elevata.

Tanto da sapere sui fili

Il capitolo fili comunque è un capitolo vastissimo. Non posso dire tutto quello che c’è da sapere sui fili in un video di tre minuti.
Se l’argomento ti interessa, se sei un pescatore in mare, inizia con un like sul video e iscrivendoti al canale youtube. Crea il tuo account qui sul sito matthieuamato.it e magari pensa prendere il pacchetto “lo chiedo a mat”, per approfondire insieme le tematiche più interessanti della pesca in mare.

Etichettato , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *